sabato 19 novembre 2016

L'indennizzo commercianti che chiudono entro dicembre 2016, domande entro fine gennaio 2017: requisiti e caratteristiche del sussidio, pari alla pensione minima.

Ultime settimane per utilizzare l’indennizzo di chiusura attività: il trattamento è disponibile fino al 31 dicembre 2016. Si tratta di un sussidio per i commercianti che chiudono in presenza di determinati requisiti, fino alla maturazione della pensione di vecchiaia. Il riferimento normativo è il Dlgs 207/1996 e, in mancanza di eventuali proroghe, non sarà più utilizzabile l’anno prossimo.

L’indennizzo è pari al trattamento di pensione minima (circa 500 euro al mese) ed è destinato a chi esercita un’attività commerciale in qualità di titolare o coauditore in sede fissa o ambulante anche nei settori bar e ristorazione, e agli agenti e rappresentanti di commercio.

requisiti: almeno 62 anni di età (57 nel caso delle donne), iscrizione alla gestione INPS degli esercenti attività commerciali da almeno cinque anni. Bisogna aver definitivamente cessato l’attività commerciale e aver effettuato tutti i passaggi burocratici: cancellazione dal registro imprese e dal registri esercenti della Camera di Commercio o dal ruolo provinciale istituito presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura per gli agenti e rappresentanti di commercio.
Il sussidio viene versato dall’INPS fino al raggiungimento della pensione di vecchiaia oppure, nel caso in cui il lavoratore sia rientrato in una salvaguardia esodati, fino alla decorrenza del relativo trattamento.
L’indennizzo commercianti è incompatibile con attività di lavoro autonomo o subordinato: nel caso in cui questo avvenga, il titolare del trattamento deve comunicarlo all’INPS entro 30 giorni dall’inizio del lavoro e l’indennizzo verrà sospeso.
Attenzione: per i commercianti che chiudono l’attività entro fine dicembre, la domanda può essere presentata all’INPS fino al 31 gennaio 2017. Questo, sempre che nel frattempo non intervenga un nuovo provvedimento di proroga.

Nessun commento:

Posta un commento