domenica 28 aprile 2013

La situazione resta grave, prosegue distruzione di imprese e lavoro...

Confesercenti: “La situazione resta grave, prosegue distruzione di imprese e lavoro. Nel quinquennio della crisi bruciati 238 miliardi di reddito disponibile per le famiglie, in media 10.000 euro in meno ciascuna. Urgente governo che rilanci la crescita”.


“Il dato Istat sulle vendite di febbraio – sottolinea Confesercenti - è molto negativo, anche perché bisogna risalire ad un anno fa per trovare una variazione negativa peggiore. La crisi ha portato sfiducia e prudenza. Ma la sfiducia – ricorda Confesercenti – non è solo uno stato d’animo, bensì il risultato di anni di difficoltà, di troppo tempo impegnato ad affermare ruolo e poteri dei nostri vari livelli istituzionali, trascurando i destini dell’Italia, delle imprese, dei lavoratori dipendenti.

Ora serve un colpo d’ala, una capacità di riscatto della politica e delle Istituzioni, un ruolo forte delle parti sociali, perché solo così potremo rilanciare la nostra economia. Del resto basta guardare al calo pronunciato dell’alimentare per segnalare la difficilissima situazione di crisi delle famiglie.

Non va dimenticato che nel terribile quinquennio 2007-2012, la crisi, assieme al balzo insopportabile della pressione fiscale ed al calo della occupazione, ha bruciato la cifra astronomica di 238 miliardi di reddito disponibile delle famiglie italiane. Vale a dire che in media ogni famiglia si è vista “scippare” quasi 10 mila euro.

Nel solo 2012 la spesa delle famiglie ha subito un crollo di 43 miliardi rispetto al dato del 2007, vale a dire circa 1800 euro a nucleo familiare.

A questa montagna di risorse perdute ha corrisposto inevitabilmente un’impressionante distruzione di imprese: nei settori del commercio e del turismo nel 2012 state circa 135 mila, mentre nei primi mesi del 2013 hanno già abbassato la serranda - solo nel commercio al dettaglio - altre 23 mila imprese con un saldo negativo di circa 10.600 unità.

Il Credit crunch  blocca ogni  prospettive crescita. Le piccole e medie imprese italiane hanno avuto un peggioramento di utili e fatturato fra ottobre 2012 e marzo 2013. Per invertire questa tendenza serve un aumento delle possibilità di accesso ai prestiti bancari ed all’ aumento dello scoperto, anche per le famiglie.
L’analisi della la Banca Centrale Europea imputa al  peggioramento delle prospettive di crescita  le  difficoltà di accesso al credito per le  PMI italiane.

E con il prolungarsi della recessione si registrano sempre meno le nuove aperture. Va detto con chiarezza che il nuovo  Governo deve attivare interventi urgenti ed adeguati altrimenti il Paese rischia molto. L’immobilismo ogni giorno diventa più pericoloso. Occorre un rapido e coraggioso ripensamento della politica economica che restituisca alle imprese, alle PMI in particolare, la forza per investire, innovare, creare nuovo lavoro.  E si deve ripartire da due nodi fondamentali: realizzare risparmi consistenti nella spesa pubblica e ridurre significativamente il peso del fisco su famiglie ed imprese. C’è bisogno di ripensare profondamente l’IMU, di fare marcia indietro sull’aumento dell’Iva al 22%, così come dobbiamo dire basta al ricorso sistematico e soffocante delle addizionali regionali e locali.

In sintesi si tratta di invertire la rotta fiscale su tutta la linea”.

Nessun commento:

Posta un commento