sabato 13 novembre 2010

L'alta cucina a Palmi

Lunedi 8 Novembre si è svolta, a Palmi, la V° Rassegna del Sud Italia di Cucina, Pasticceria e Sculture Artistiche organizzata dalla Delegazione di Reggio Calabria dell'Associazione Professionale Cuochi Italiani, in collaborazione con le Associazioni dei Cuochi delle diverse regioni del Sud Italia e della Rivista ''L’Arte in Cucina''. Contestualmente alle gare dei professionisti, si è svolta la terza edizione del Trofeo “Costa Viola”, riservato alle Scuole Alberghiere e Centri di Formazione Professionale Turistici Alberghieri.



Alla Rassegna hanno partecipato oltre un centinaio di professionisti fra cuochi, pasticceri e scultori provenienti da tutta Italia a dimostrazione del valore di tale iniziativa che si pone sempre più come punto di riferimento nel settore dell’alta cucina.



La Confesercenti Regionale sostiene iniziative che, come questa, rappresentano non soltanto un’appassionante competizione fra professionisti del settore, ma anche una prestigiosa ed esclusiva vetrina per tutte le eccellenze dell’enogastronomia regionale.



L’enogastronomiasostiene il Presidente Regionale Confesercenti Nino Marcianò - costituisce una risorsa culturale ed economica da difendere e promuovere anche attraverso eventi di questo tipo, fortemente caratterizzati da competenza e professionalità. In Calabria questa risorsa deve legarsi al concetto di qualità, in termini di materie prime utilizzate, di prodotto finito e qualità in termini di processo e del servizio offerto. Il settore della ristorazione sta risentendo delle modificazioni del tessuto sociale ed economico in atto e più precisamente delle variazioni che stanno interessando le esigenze e i gusti dei soggetti che rappresentano la potenziale domanda di consumo di un pasto fuori casa. La Calabria, - continua Marcianò - è costituita da un mix estremamente composito di tradizioni, che si traducono in una vasta gamma di sapori e profumi molto ampi, talvolta unici, tali da soddisfare anche il visitatore più esigente dove l’aspetto enogastronomico è uno degli elementi di maggiore valore. Ma l’enogastronomia calabrese va sostenuta e incentivata come traino per un tipo di turismo che punti alla riscoperta anche sensoriale degli spazi geografici dove lo spirito del luogo si possa assaporare nel piatto.





Nessun commento:

Posta un commento